News

Fitness o Bodybuilding?

Cosa significa fitness?

Fitness significa benessere fisico, che varia a seconda della risposta del corpo ad uno sforzo, perciò alla capacità di adattamento a vari gradi di allenamento.

Sicuramente, per avere un risultato ottimale da qualsiasi tipologia di fitness, bisogna imparare a stimolare adeguatamente il sistema cardiocircolatorio. Gli organi che svolgono un importante compito nel benessere di un individuo sono i polmoni e il cuore. I primi devono garantire un’adeguata ossigenazione del sangue, mentre il cuore deve garantire lo spostamento del sangue nelle aree del corpo che sfruttiamo in quel momento.

 

C’è differenza tra fitness e bodybuilding?

Per quanto riguarda gli esercizi e l’esecuzione non ci sono differenze, anche gli errori che si possono commettere nei due ambiti sono i medesimi. La differenza, perciò, non sta tanto nel modo in cui si fanno gli esercizi (ovviamente tenendo conto che ci sono varie tecniche di allenamento), ma piuttosto nella mentalità degli atleti.

Negli anni ‘70 uscì il film “Conan il barbaro”, nel quale recitò Arnold Schwarzenegger; dopo l’uscita del film, un’ondata di ragazzi e uomini si iscrissero nelle palestre per seguire le tracce di Arnold, per inseguire il sogno di un corpo con sembianze sovrumane e muscoli sovrasviluppati.

Gran parte di questi, spinti dal desiderio di diventare come il loro idolo, si ostinarono al punto di tralasciare buonsenso e benessere; iniziarono così a prendere farmaci per raggiungere la corporatura dell’incredibile Hulk.

Per fortuna una piccola parte della prima ondata si rese conto dell’assurdità di voler diventare sovrasviluppati e ne prese le distanze creando così il fitness, una disciplina che mira al benessere del corpo.

 

A mio parere, i veri atleti sono coloro che inseguono il desiderio di un corpo forte, sano, longevo e bello.

Questo desiderio però richiede sforzi e sacrifici; molti giovani pensano che basti entrare in una palestra e fare qualche esercizio per avere un corpo bilanciato, simmetrico e correttamente sviluppato. Ma gli atleti dei vari sport, dove è richiesto un corpo performante, come può essere quello di un rugbista o di un nuotatore, sanno che ciò richiede non solamente l’esercizio fisico, ma anche una dieta adeguata e molti sacrifici.

 

Quello che mi sento di dire per concludere è che considerare il bodybuilding un’attività sbagliata non è rispettoso per tutte quelle persone che si impegnano per raggiungere obbiettivi corretti. Il bodybuilding è uno sport dannoso nel momento in cui non si guarda più al benessere ma si cercano risultati sovrumani.

 

Luca De Conto – XII classe

CALENDARIO

NEWSLETTER

Vuoi essere informato sulle attività inerenti alla nostra Associazione?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER