News

Tessitura in X classe

Dalle parole dei ragazzi, le impressioni sull´epoca di tessitura.

Quando tesso penso…
Penso ad una bolla di quiete
nella caoticità generale
Penso a una serie di azioni metodiche
lente, ritmate
Penso ad un’unione di colori armonici,
come note musicali su uno spartito in un concerto
A questo penso quando tesso,
a questo e a nulla
B.

Mani all’opera,
ritmo costante
tanti colori
pensiero volante
V.

 Mentre tesso, il ritmo scandito dalla navetta
nel suo attraversare le trame variopinte
di cangianti fili lanosi,
mi allieta e mi rende consapevole
dell’avanzare placido del tempo
L.

 Mentre tesso mi viene a volte da pensare a quel che sto facendo,
ma per la maggior parte del tempo tessere non mi impegna una parte
considerevole del cervello,
così posso anche socializzare con i compagni presenti.
Tessere favorisce la conversazione e la socializzazione.

Mentre tesso penso ai fatti miei,
 a stare attento ad abbassare la giusta levetta
e a cantare le canzonette

 
Mentre tesso
canto canzoni discutibili.
Penso e tesso.
N.

 

Facendo questo lavoro ho imparato a tessere
parlando con i compagni, ed è stato bello in questo periodo.
 

Mentre tesso…
Nelle prime lezioni sentivo che era un lavoro tranquillo, che non richiedeva
un’alta concentrazione, mentre in queste ultime lezioni ho scoperto che
bisogna stare molto attenti al lavoro, perché può capitare che si rompano i fili.
Comunque nelle lezioni, dentro di me mi sento tranquillo,
non ho quel bisogno di esprimermi a parole con i miei compagni.
L.

 

Mentre tesso, non so perché, tendo a concentrarmi sugli errori
che ho fatto in passato nella vita.
Diciamo che in realtà mi può capitare con qualsiasi cosa ripetitiva,
che non implichi troppa presenza mentale.
Non è un rimuginarci sopra e non è nemmeno fastidioso,
e ovviamente posso pensare ad altre cose,
oppure solo concentrarmi e mantenere un ritmo.
In sintesi posso dire che la tessitura mi fa un po’ riflettere.

 

Quando tesso mi concentro sul lavoro che sto facendo
e non mi vengono altri pensieri,
magari chiacchiero con gli altri, ma questo non mi deconcentra.
Tessere mi rilassa molto, anche se a volte la foga di finire prende il sopravvento,
non facendomi gustare il lavoro.
Questa attività mi piace e la rifarei sicuramente.
M.

 

L’esperienza di tessitura è stata tutto sommato interessante.
All’inizio non avevo molto interesse su questa materia, ma poi
di lezione in lezione, l’ho sempre più apprezzata e trovata molto interessante.
Mentre tessevo, il mio pensiero sovrastante era la paura per uno sbaglio,
l’insicurezza, ma poi si è risolta, portandomi così a fare un lavoro molto bello.
A.

 

Sciarpa invernale
Colori sgargianti
Tenue calore
G.

 

Mentre tesso mi viene dall’interno, una voglia matta di sfidare me stessa,
come se avessi un tempo di scadenza e volessi fare di tutto pur di finire.
Poi però mi accorgo che sono troppo pignola
e che ci tengo che sia giusto ogni dettaglio.
Non sono arrivata dove volevo arrivare, però comunque sono felice del risultato.

 

Tessere è un’opportunità per liberare la mente dai problemi di tutti i giorni,
dalle preoccupazioni e dalle ansie.
E’ un’occasione per pensare a nuove avventure ed esperienze,
alle quali altrimenti non avremmo pensato.
In sostanza la tessitura ci dà tempo di “riflettere”.

 

Mentre tesso, colore dopo colore
scorre fluida la mia nascente opera,
come l’alba al mattino

 

Colori armoniosi,
insieme son sposi,
morbidi fili
per sempre uniti.
V.


CALENDARIO

    Guarda il filmato