News

Forestazione IX Classe: Il Bosco come comunità di vita

Vivere dieci giorni immersi nella natura, in assoluta assenza di strumenti di comunicazione, giorno e notte, respirando le atmosfere del magico Cansiglio e dedicandosi ad un compito tanto impegnativo, quanto importante. 
Ventiquattro studenti di 14/15 anni della nostra IX Classe hanno lavorato per riportare ordine lungo un tratto del sentiero 991, interessato da recenti operazioni di esbosco.
Il progetto è stato realizzato con la collaborazione del comune di Caneva, che ha messo a disposizione il Casello della Guardia per ospitarci, ha richiesto la disponibilità del Servizio Forestale della Regione Autonoma F.V.G. ed il prezioso intervento delle guide della Prealpi Cansiglio Hiking. 
I ragazzi hanno intrapreso lavori di ripristino del tracciato, radunato ramaglie e materiale di risulta, creando fascine, liberato il sentiero da tutto quello che ne ostacolava la percorrenza, costruito gradini, piccoli cordoli e contenimenti, per rendere più agevole il passaggio ed hanno rivisto ed integrato i segni indicativi del sentiero. 
Si sono presi cura di un piccolo angolo di questo complesso ecosistema, che chiede all´uomo ed alla natura di imparare a dialogare e convivere. 
Hanno vissuto un’esperienza sociale impegnativa, dovendo gestire, oltre al lavoro pratico in bosco, tutto quello che la vita in comune richiede: dalla preparazione dei pasti alla pulizia della casa, dagli ambiti di natura più didattica a quelli più liberi. 
Hanno lavorato, sperimentato, osservato, ascoltato, per poi rivivere il tutto da un punto di vista differente ed arrivare a redigere un "quaderno" personale.
Hanno preparato e gestito la presentazione delle attività alla comunità scolastica e ad un pubblico più ampio durante una serata organizzata a Villa Frova (Caneva).
Protagonisti di una esperienza in cui i talenti vengono messi al servizio, in cui le varie intelligenze trovano spazio ed in cui la "diversità", come accade in un bosco, diventa un valore e non un ostacolo. 
Un´iniziativa che va al di là dei confini territoriali e degli interessi economici, perché occuparsi di un contesto ambientale è un compito che dovrebbe creare unione intorno ad un motivo comune, intorno a qualcosa che si riconosce come unico e speciale.
Vivere dieci giorni immersi nella natura, respirando anche le responsabilità che l´uomo deve assumersi con coraggiosa consapevolezza.

Un sentito ringraziamento a tutti quelli che hanno reso possibile questa attività, in primo luogo ai ragazzi, agli educatori che li hanno guidati in questi giorni ed alle famiglie che ci hanno affidato i loro figli con estrema fiducia.


A seguito degli eccezionali eventi climatici di inizio novembre, ci sono stati numerosi schianti lungo il tracciato, ma ho verificato personalmente che tutte le opere dei ragazzi sono rimaste indenni. I servizi Forestali porteranno via il legname che ora ostacola il passaggio, ed il sentiero tornerà presto ad essere percorribile.

Prof. Raffaella Cora


CALENDARIO


Vuoi essere informato sulle attività inerenti alla nostra Associazione?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

    Guarda il filmato