La Cruna

Associazione per la pedagogia Steiner Waldorf - La Storia
Continua a leggere

Le attività pedagogiche della Libera Scuola Novalis sono gestite da “ La Cruna Associazione per la pedagogia Steiner Waldorf”, coadiuvate dalla cooperativa sociale “Aurora” per quanto riguarda gli interventi di pedagogia curativa.

Lo sviluppo della realtà pedagogica dell´ Associazione “La Cruna” è stato piuttosto rapido; il primo “gruppo gioco” è sorto nel 1996 e, vista la sensibilità esistente sul territorio per le tematiche educative, già l´anno successivo partiva la scuola in una vecchia struttura scolastica ottenuta in comodato dal Comune di San Vendemiano. Attualmente il numero degli iscritti, tra le tre sezioni dell’asilo e le otto classi della scuola, si aggira intorno ai 300 allievi. Le tre sezioni d’asilo, le cinque classi della scuola primaria, le tre classi della scuola secondaria di primo grado e le classi della scuola superiore, sono tutte paritarie.

L’impulso che il Consiglio di Amministrazione ha inteso dare nell’ambito della gestione economica della scuola poggia su alcuni principi di base, tra i quali il fondamentale è quello di non escludere nessun bambino per difficoltà economiche familiari; per realizzare ciò è stato intrapreso un lungo lavoro con i genitori, cercando di concretizzare il motto “chi più ha, più dà”, nel rispetto di una volontà libera ma sempre più responsabile.
La prima struttura scolastica risultava appena sufficiente allo svolgimento delle attività e non consentiva di immaginare uno sviluppo ulteriore. È stata la donazione di un terreno da parte di una socia del gruppo antroposofico “Giovan Battista Cima da Conegliano” ad aprire uno spiraglio nella direzione di poter costruire un edificio che nelle forme e nella struttura corrispondesse alle esigenze di una pedagogia quale la nostra. Questa nuova prospettiva ha offerto l´occasione ai soci attivi nelle varie attività antroposofiche di Conegliano di fondare la “Libera Associazione Antroposofica Rudolf Steiner”. Sostenere quindi lo sviluppo della libera vita culturale per mezzo della scuola è stato un compito particolarmente sentito dalle attività economiche e commerciali dell’Associazione; esse hanno assunto l´onere di costruire un nuovo edificio scolastico capace di ospitare anche le classi della scuola secondaria superiore. Tra il polo culturale e quello economico è inserito il grande impegno di una intensa vita sociale, senza la quale non sarebbe stato possibile armonizzare le tensioni fisiologiche che il progetto ha portato in sé. Un gruppo di architetti ed esperti della bioedilizia, affiancato da alcuni insegnanti e dagli amministratori dell’Associazione, ha intrapreso un lungo lavoro di collaborazione per realizzare il progetto del nuovo edificio scolastico, che è stato ultimato alla fine dell’estate del 2009. Tra i primi incontri per la progettazione e la fine dei lavori sono trascorsi quasi dieci anni.

Da parte dell´attuale Collegio Insegnanti e del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione “La Cruna” viene sentita una grande responsabilità per il compito di creare una sana atmosfera nei rapporti interpersonali, tale che possa portare vita ed entusiasmo nel nuovo corpo fisico della scuola; importante in questo senso è l´impegno profuso nel tessere la trama della vita sociale con i genitori e, progressivamente, con le istituzioni locali. Nel tempo si è stabilita una cordiale e fattiva collaborazione con le comunità ed i rappresentanti istituzionali dei Comuni di San Vendemiano e di Conegliano. Sono stati proposti ed effettuati corsi di pedagogia, di attività artistiche quali pittura, modellaggio, recitazione, di ginnastica, di euritmia, un seminario annuale di formazione per insegnanti di musica e altri seminari di aggiornamento per insegnanti. Nei Comuni di San Vendemiano, di San Fior di Sotto e di Conegliano sono state offerte rappresentazioni teatrali e di euritmia curate dagli alunni della scuola, dagli insegnanti e da compagnie di professionisti.

Particolare cura è stata posta nel rapporto con le Direzioni Scolastiche della zona, così che potesse iniziare un dialogo fattivo con la scuola pubblica del territorio.

chiudi

Il Consiglio degli Amici della Scuola

Continua a leggere

È l’organismo nel quale si incontrano informalmente le tre sfere della vita associativa: genitori, amministratori, insegnanti. La partecipazione dei genitori al Consiglio degli Amici della Scuola è aperta e ampia. Contemporaneamente, attraverso la presenza di almeno un rappresentante di ciascuna classe nominato dai genitori, il Consiglio degli Amici garantisce la rappresentanza democratica.

Le riunioni, a cadenza mensile, si svolgono con la seguente modalità: nella prima parte viene svolto un lavoro di studio e di confronto su argomenti di carattere sociale, quali la formazione di comunità, il lavoro e la collaborazione nell’ambito pedagogico, terapeutico, nel sociale in genere; nella seconda parte dell’incontro vengono presi in esame le attività, i compiti e le iniziative che la vita dell’Associazione propone.

chiudi

CALENDARIO

NEWSLETTER

Vuoi essere informato sulle attività inerenti alla nostra Associazione?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER