News

Recita VIII classe “L’isola sconosciuta”

Venerdì 14 febbraio ore 19.00
Sabato 15 febbraio ore 19.00

presso palestra/teatro - ingresso libero

La nostra recita di quest´anno è ambientata al tempo del mare tenebroso , al tempo delle corti che non sapevano più fare domande e dei re che non ne volevano sapere di prendere decisioni... al tempo in cui un uomo ha il coraggio di chiedere e cercare... e una donna ha il coraggio di decidere.... Un tempo passato e antico? Un tempo attuale, che sa di vita e attimi quotidiani? O è il futuro? Lasceremo decidere ad ognuno di voi.
È la storia di un viaggio, forse il viaggio più importante....
e vorremmo intanto iniziarlo con voi, mentre cercheremo di portare sul palco passione, sentimento, forza di volontà, coraggio... tutte qualità messe a servizio della LIBERTÀ, tanto importante e preziosa, quanto difficile da raggiungere veramente.

Questa storia fa parte di noi, e noi facciamo parte di essa, sin dal nostro lontano primo giorno di scuola della prima classe, 8 anni fa, quando salpammo su un vascello birichino proprio alla ricerca dell´isola sconosciuta...

Vi riportiamo alcune frasi per noi significative sperando possano risvegliarvi la curiosità per la nostra recita a cui siete tutti caldamente invitati.

"È la corte ad invidiare il popolo, perchè il popolo ha ancora i sogni che la corte non riesce più a sognare."

"Quante volte devo ripetere che di decisioni non ne voglio sapere!!!"

"Chi siete voi per non darmi ciò che chiedo?"
"Come chi sono?!?! IO SONO IL RE!!!"
"Me la darete."

"Il Re appartiene alle barche, non le barche al Re. Senza di loro il Re non è nulla, mentre le barche, senza il Re, restano barche e possono navigare."

"Ma voi...sapete navigare?
No...
E come pensate di fare ?".


Chi è Josè Saramago?

Portoghese (1922-2010),di umili origini , bracciante agricolo, fabbro, meccanico e disegnatore, in poco tempo riuscì ad arricchirsi culturalmente fino a diventare direttore letterario di una casa editrice negli anni della dittatura di Antonio de Oliveira Salzar, il quale ,censurando i suoi articoli, non gli permise mai di esprimere il proprio pensiero. Fu un personaggio sempre scomodo per il suo atteggiamento dissidente, anche verso il mondo cattolico, a causa del quale si autoesiliò negli ultimi anni della sua vita .  
Osservatore implacabile della società, Saramago è noto per le sue opere volte a scuotere la coscienza umana che mettono in discussione i problemi della società, le ingiustizie sociali, sempre combattute per tutta la sua vita - come quelle dei braccianti agricoli vilipesi e sfruttati. Espresse sempre il suo punto di vista ritraendo con acutissima genialità l´uomo universale visto nella nudità dei suoi gesti quotidiani, mettendo in rilievo, attraverso le metafore, le meschinità e l´individualismo.

Solo dopo la caduta della dittatura nel 1974, Saramago potè dedicarsi alla scrittura riuscendo a far fluire il suo pensiero e stile destinati a segnare la letteratura contemporanea. Nel 1998 ottenne infatti il riconoscimento del premio Nobel per la letteratura che così motiva l’assegnazione di tale onorificenza a quello scrittore che «con parabole sostenute da immaginazione, compassione e ironia ci permette ancora una volta di afferrare una realtà illusoria».

Secondo Saramago bisogna cercare un nuovo modello di vita che possa donare a tutti gli uomini la dignità e che quindi non preveda alcuna competizione e mercificazione. Ma per far ciò bisognerebbe avventurarsi nell’"Isola sconosciuta" «imparando a navigare navigando» (da "Il racconto dell´Isola Sconosciuta del 1997)

Malato da tempo di leucemia, si spense il 18 giugno del 2010 a Tìas, in quelle Isole Canarie dove aveva deciso di autoesiliarsi.

 I RAGAZZI DELL´VIII CLASSE



CALENDARIO

    Guarda il filmato